Nell’era digitale, l’abbondanza di informazioni online ha posto l’umanità di fronte ad un grosso problema: siamo diventati insensibili alle terribili tragedie delle guerre globali a causa della costante esposizione mediatica?  

La crescente visibilità delle guerre attraverso i social media, i siti di notizie e le piattaforme online ha reso la sofferenza umana una presenza costante nella nostra vita quotidiana. Tuttavia, ciò solleva domande cruciali sulla nostra reazione a questa esposizione continua. La familiarità con l’orrore della guerra ha portato a un’indifferenza sempre più crescente?  

Ormai è passato un mese e mezzo dall’attacco del gruppo terroristico e dall’invasione delle milizie israeliane nella striscia di Hamas ed è come se ci fossimo abituati alla guerra, come osserva il giornalista Luca Tremolada.  

Gli esperti suggeriscono che l’assuefazione online alle guerre può manifestarsi in una sorta di stanchezza emotiva.  

L’esposizione a immagini scioccanti e racconti di conflitti potrebbe rendere le tragedie quasi quotidiane, rischiando di ridurre l’empatia e l’attenzione del pubblico. La domanda è: come possiamo evitare che la consapevolezza diventi indifferenza?  

Un approccio critico nel leggere le notizie online è essenziale. Diversificare le fonti, con giornali e articoli, approfondire la comprensione delle dinamiche del conflitto e cercare connessioni umane dietro le statistiche potrebbe essere il primo passo per contrastare l’assuefazione.  

La rete ci avvicina alle realtà delle guerre in Medio-Oriente e non solo, il pericolo dell’assuefazione online è reale. I giovani soprattutto, essendo i più vicini ai social, devono sviluppare una consapevolezza critica, mantenere viva l’empatia e soprattutto, tradurre la conoscenza acquisita in un impegno attivo per un mondo più pacifico e giusto.  

La nostra capacità di reagire ai conflitti in Medio Oriente non dovrebbe dipendere solo dalla quantità di informazioni che riceviamo, ma piuttosto dalla qualità della nostra comprensione e dalla volontà di contribuire per un cambiamento positivo, senza cadere nella “normalità” di queste tragedie.

0 Comments

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account