È da ormai una ventina di anni che i social network sono diventati una parte integrante della vita di molti giovani, che li usano per comunicare, informarsi, divertirsi e condividere i propri interessi. Tuttavia, spesso accade che l’uso eccessivo e incontrollato di questi strumenti possa avere degli effetti negativi sul benessere psicologico e sociale dei ragazzi, che spesso diventano dipendenti dai cellulari e dai social.

Uno dei problemi che nascono dall’uso di queste piattaforme digitali è, sicuramente, la creazione di un mondo totalmente diverso rispetto a quello in cui si vive; spesso avviene, infatti, che sui social si mostrino solamente aspetti positivi della propria vita, nascondendo, però, quelle che sono le difficoltà e le insicurezze che ci circondano quotidianamente, così da creare un’immagine di sé che possa essere, in qualche modo, invidiata da coloro che la vedono, e, quindi, acquisire una falsa autostima basata sull’invidia altrui.

Ciò nonostante, i problemi che nascono dai social sono molti di più; per esempio, continuamente si viene a conoscenza di giovani affetti da depressione a causa di un’estraniazione dal mondo reale, dovuta alla dipendenza da smartphone, o di persone che commettono addirittura atti estremi come il suicidio in seguito ad un episodio di cyberbullismo. Come si può cercare di prevenire una tale “piaga digitale”?

Per evitare che i social network possano diventare una dipendenza dannosa, è bene che i giovani vengano istruiti sin da bambini dai genitori ad utilizzare in modo responsabile e non eccessivo dispositivi mobili. Negli ultimi anni, per prevenire qualsiasi dipendenza, gli smartphone sono stati dotati di funzionalità che permettono al genitore di monitorare ed eventualmente di limitare l’uso di determinate applicazioni sul cellulare, così da garantire al proprio figlio la possibilità di non essere dipendenti dagli schermi. Inoltre, sarebbe bene se si promuovessero attività che distaccano completamente l’individuo da social media e da videogiochi, in ambienti dove si possono conoscere ed instaurare rapporti con altri; così facendo, si cercherebbe di contrastare spirale negativa che nasce dall’invidia alimentata dai social.

Tutte queste possibili soluzioni, però, sembrano essere sempre più remote e irraggiungibili, dal momento che, ad oggi, questa problematica tenderà sicuramente ad aumentare, a causa della continua digitalizzazione del mondo e dell’ossessivo uso dei social media come mezzo di comunicazione.

In conclusione, la società in cui viviamo non potrà più fare a meno di social media e di dispositivi mobili come gli smartphone, ma per prevenire alcun tipo di minaccia proveniente da questi, è bene che si inizi a considerare il mondo social non come puramente intrattenitivo, ma anche parzialmente minaccioso, a causa delle dipendenze e delle conseguenze, come depressione e distacco dal mondo, che queste possono generare nella vita di una persona

0 Comments

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account