Se ci soffermiamo a riflettere solo un po’ sul mondo di oggi, possiamo capire come sia cambiata la società e il modo di pensare. Oggi, infatti, è difficile parlare di solidarietà, di generosità, viviamo in un mondo di egoisti, dove dilagano sempre di più l’indifferenza e la sopraffazione verso il prossimo. Ciò si può evincere anche dai piccoli episodi che accadono e di cui si sente parlare quotidianamente sul web o nei telegiornali. Un esempio ne sono i politici che non pensano più al benessere del Paese, ma animati da un forte senso di egoismo, sembra che la loro principale preoccupazione sia di guadagnare sempre di più. Naturalmente non possiamo considerarli egoisti perché hanno molti soldi, però possiamo puntare il dito contro di loro in quanto approfittano della situazione di crisi del Paese non curandosi del fatto che gran parte degli italiani non riesce ad arrivare a fine mese.
Nella vita quotidiana purtroppo in questo periodo è molto facile individuare tantissimi atti di egoismo. Si pensa solo ed esclusivamente a raggiungere i propri obiettivi senza preoccuparsi degli altri, ci sono persone che sono disposte a far di tutto pur di essere un passo avanti rispetto ai propri rivali.
Naturalmente si sa che per realizzare i propri sogni ogni tanto bisogna anche non pensare agli altri e soffermarsi solo su se stessi; però riflettendo secondo me l’egoismo è uno dei difetti maggiori. Bisogna aiutare gli altri nei momenti di difficoltà perché in fondo anche noi un giorno ci potremmo trovarci in una situazione difficile e se vogliamo che gli altri ci aiutino dobbiamo fare lo stesso anche noi.
Essere egoisti alla fine non procura molti vantaggi. L’unica cosa che si ottiene è perdere la fiducia e l’amicizia di molte persone care perché in fondo se si è bravi non serve mettere in cattiva luce gli altri e quindi metterli in difficoltà per raggiungere i propri fini.
Eppure un tempo non era cosi, ci si accontentava di poco, si era molto più uniti e si cercava di far di tutto per aiutare chi aveva bisogno; inoltre, la cosa più importante era il fatto che si metteva al primo posto la propria dignità e le relazioni con le persone, mentre oggi alla base di tutto c’è la voglia di essere i migliori.
Dobbiamo riflettere prima di comportarci da egoisti e fare ciò che non vorremmo che fosse fatto a noi; la cosa migliore sarebbe rispettarci tutti e aiutarci perché prima o poi gli interessi svaniscono e rimangono gli affetti e i propri valori.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account