La violenza è un atto negativo soprattutto in famiglia. Cosa fareste se un vostro amico fosse in questa situazione? Prima di tutto bisognerebbe farlo parlare, farlo sfogare e fargli capire che non è solo, ma che può contare su qualcun’altro oltre che su se stesso. Converrebbe informare persone delle quali ci si può fidare, ad esempio i propri familiari, i professori ecc., per aiutare il vostro amico in difficoltà. Infatti con l’aiuto di persone più mature ed esperte si può riuscire a tirar fuori il vostro amico da questa brutta situazione in maniera più rapida. Molto probabilmente lui avrà paura di rimanere in casa per cui cercate di farlo svagare il più possibile anche invitandolo a casa vostra, coinvolgendo anche i vostri genitori al fine di farlo stare al sicuro dalla sua violenta famiglia. Magari potrebbe essere solo uno il genitore violento che oltre a maltrattare il figlio/a se la prende anche con l’altro coniuge. Quest’ultimo per salvaguardare il proprio figlio si frappone tra lui e il genitore violento; le vittime per paura non rivelano niente di ciò a nessuno; se ad esempio hanno dei lividi o contusioni inventano scuse per non destare sospetti e tenere nascosta l’umiliazione subita. Alcune di queste vittime non riescono ad accettare che una persona a cui vogliono bene possa picchiarle, e a volte lo negano persino a se stessi. Bisogna rassicurarli e convincerli a parlare con le forze dell’ordine per risolvere la situazione. Se non si riesce a convincerli occorre andare da soli a denunciare il fatto alla polizia. Si deve combattere la violenza nelle famiglie perchè non c’è cosa più brutta di un genitore che maltratta il proprio figlio/a. Voi che state leggendo questo articolo, se conoscete qualcuno che è vittima di violenza in famiglia non fate finta di niente, ma aiutatelo ad uscirne.

0
1 Comment
  1. paolox099 6 anni ago

    Secondo me il problema principale di queste cose

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account