Tutti noi vorremmo far parte della famiglia felice del mulino bianco. Purtroppo però la famiglia ideale che tanto si desidera non sempre è quella che realmente esiste. In tutti i nuclei familiari ci sono problemi più o meno gravi che però si risolvono restando tutti uniti. La gravità nasce proprio quando il problema ha origine all’interno della famiglia e quindi porta la sua distruzione. Uno di questi gravi problemi è la violenza, sia fisica che psicologica. Entrambe hanno lo stesso livello di gravità. La violenza fisica è semplicemente più visibile e più difficile da nascondere. La cosa negativa è che non è facile dire la verità o semplicemente non la si vuole dire proprio perché alcune cose non si vogliono accettare. Coloro che ricevono violenza per la prima volta credono che sia un caso isolato ed è solo quando poi si verificano vari episodi violenti ,che rendono la quotidianità impossibile, allora capiscono che è bene prendere provvedimenti. Però non tutti hanno il coraggio di denunciare il proprio marito o addirittura il proprio padre allora si continua a vivere nel nascondimento. Fortunatamente io non ho né un caso di violenza in famiglia né un amico che sta vivendo una tale esperienza, però se conoscessi qualche vittima non solo le starei il più possibile accanto ma, nonostante so che è difficile, la spingerei a dire la verità. Coloro che infatti hanno denunciato il proprio aggressore sono riusciti ad andare avanti e a ricominciare a vivere. Però dobbiamo sempre ricordarci che la loro vita non sarà mai la stessa, avranno sempre una ferita che non si rimargina.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account