E’ da tempo ormai che la nostra società è vittima di violenze e cattiverie. La maggior parte di queste avvengono in famiglia a causa di disagi psicologici da parte dei genitori, ma molto spesso, anche dei figli.
Perché preferire la violenza al comune dialogo per chiarire una situazione , anche non sempre, aspra?
La maggior parte delle volte questi problemi derivano da persone che fanno abuso di alcool o droghe o che sono mentalmente deboli e non riescono a combattere le avversità che attaccano la loro psiche.
Tutti coloro che subiscono questo tipo di problemi possono facilmente denunciare i loro disagi a numerose associazioni pubblicizzate quasi quotidianamente dalle più importanti reti televisive, affinché le persone si accorgano che sono molti i volontari disposti ad offrire il proprio aiuto.
Purtroppo non si riesce sempre ad avere il coraggio di fare questo grande passo , o per paura o per eccessiva bontà nei confronti di un genitore ,come nel nostro caso, o anche di un qualsiasi altro individuo.
Preferiamo dunque vivere nella paura e nell’incertezza?
Io direi di no, prendiamo una svolta, cambiamo, acquistiamo il coraggio, coraggio utile per combattere una tra le più gravi avversità del quotidiano.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account