La famiglia rappresenta il nucleo dove i membri di cui è composta trovano accoglienza, è il luogo in cui ci si sente al sicuro. Non sempre però è così. È ormai noto che è proprio in famiglia che si consumano gran parte delle violenze di cui si sente parlare tutti i giorni. Ciò può sembrare un paradosso, infatti la famiglia che rappresenta il nido, il luogo in cui il male dovrebbe non arrivare, simbolo di amore e serenità, diventa per molti un vero e proprio inferno. All’interno di essa si consumano le violenze più brutali, siano esse fisiche, psicologiche o come avviene in molti casi anche sessuali, e diventa ancora più difficile denunciare il proprio aguzzino, in quanto è la stessa persona che ci ha donato la vita. In molti casi si ricorre infatti al silenzio, ma non è in questo modo che la situazione può cambiare. Bisogna quindi denunciare, anche se la persona in questione è una delle più care che si ha. Va inoltre ricordato che chi vuole davvero bene non infligge in alcun modo dolore, ma cerca invece di alleviarlo.È importante perciò distinguere l’amore dalla follia.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account