La questione “videogiochi proibiti” non è certo stata aperta ieri ma ben si già da molto tempo. chiunque ragazzo almeno una volta nella sua breve vita ha utilizzato una console e fatta qualche partitella a qualche gioco che il più delle volte è considerato videogioco vietato ai minori, ma non tutti i ragazzi hanno creato una dipendenza fisica verso questi o hanno assunto atteggiamenti aggressivi imitando un personaggio virtuale.
di certo far utilizzare giochi per maggiorenni a un bambino in tenera età lo considererei un crimine. ma chi sbaglia? il bambino,i genitori o i venditori di giochi virtuali? escluderei il bambino e qualche colpa la toglierei anche al venditore. mi concentrerei sui genitori. quanti genitori per natale al proprio figlio di 5 anni non hanno regalato una console? beh ne conosco pochi e ammetto che i miei genitori sono nella lista “console per natale”. ma la domanda è un’altra: quanti genitori si pongono il problema di acquistare giochi idonei alla fascia d’età del proprio figlio? certo ognuno di noi è capriccioso e pur di ottenere un bel video-game di guerra e sparatorie siamo in grado di fare capricci a non finire e i genitori sono costretti a cedere. penso sia qua l’errore perchè è scorretto regalare un gioco,che non solo contenga violenza e aggressività ma molto spesso scene di sesso e immagini esplicite,a un bimbo di 5 al massimo 10 anni perchè spesso si riscontrano anomalie nel comportamento(aggressivo,irrequieto…)proprio perchè si imita l’amico virtuale.
ma un ragazzo di 16 ma anche 13 anni penso non ci sia nulla di male divertirsi con un gioco virtuale violento perchè si è maturi e non si “imita” più un eroe o un guerriero.

Commenti
  1. enia97 7 anni ago

    I videogiochi devono essere proibiti soprattutto per gli adolescenti dagli undici ai quattordici anni e dovrebbero esserci delle sanzioni per coloro che vendono i videogiochi ai minori di diciotto anni. Questi infatti posso provocare diversi disturbi per lo sviluppo psicologico. Hai ragione anche i genitori molto spesso non si rendono conto di quanto possano essere pericolosi e dovrebbero difendere i propri figli o meglio dire dovrebbero tutelarli!

  2. fornabaiofp 7 anni ago

    L’articolo contiene termini e una struttura molto semplici. Per I contenuti, sono d’accordo con te: I genitori sono I veri responsabili di tale fenomeno. Sulle custodie dei giochi ci sono le avvertenze di contenuti violenti e linguaggio scurrile o presenza di scene di sesso, inoltre il pegi limita il gioco ad una specifica fascia di et

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account