I giovani di oggi tra i loro numerosi svaghi prediligono soprattutto i videogiochi, ma molti di essi sono vietati ai minori di diciotto anni perché troppo violenti. A questo punto ci si pone la domanda: è giusto vietare questi giochi ai minorenni? Io credo di si, anzi sostengo che questi dovrebbero essere vietati a tutti. Viviamo in un mondo dominato dalla violenza, perché incitare giovani e perfino i bambini ad essere ancora più violenti, invece di iniziare propagande di pace e solidarietà? Molti potrebbero dire che si tratta solo di videogiochi e non è il caso di essere così seri, però come ci si può divertire usando la violenza? Come si giustifica ai ragazzi il fatto che prima gli viene detto che utilizzare la violenza è qualcosa di assolutamente sbagliato quando poi gli vengono regalati questi giochi? Non penso che sia accettabile far innamorare i ragazzi della guerra o degli omicidi, poiché nonostante si tratti di semplice fantasia, sostengo che ragazzi e bambini siano facilmente influenzabili e che quindi possano prendere esempio da questi giochi. Perciò fermiamoci un momento per pensare: è davvero il caso di utilizzare questi giochi?

Commenti
  1. alensya 7 anni ago

    Concordo con te.
    Oggi i ragazzi sono talmente fragili mentalmente che anche dei videogiochi possono condizionare la loro vita. Spesso, infatti, molti di loro imitano gli “eroi” preferiti e fanno aderire la vita quotidiana al videogioco…
    La psiche umana

  2. carmendmr97 7 anni ago

    Sono d’accordo con te.
    In questa societ

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account