Fino al 1998 i videogiochi erano di difficile accesso a causa della lentezza della rete e dei loro costi elevati. Adesso invece il loro utilizzo è diventato decisamente più semplice grazie alle connessioni veloci e ai bassi prezzi che hanno raggiunto sul mercato. Inoltre, gli hardware a disposizione sono diventati più potenti, al contrario di quelli di un tempo che non supportavano pesi troppo elevati.
La diffusione dei videogiochi è favorita anche dalla pubblicità che le multinazionali diffondono proprio su questi passatempi, spingendo le persone ad utilizzarli e facendoli diventare spesso vere e proprie dipendenze. Inoltre, se i giocatori sono ragazzi o ragazze molto giovani, che non hanno ancora maturato consapevolezza, i videogiochi che incitano alla violenza possono rappresentare davvero un pericolo e contribuire alla formazione di una personalità aggressiva e autoritaria. C’è chi sostiene che basti avere autocontrollo per non farsi influenzare negativamente, ma questo tipo di videogiochi agisce nel subconscio del fruitore comunque, anche senza che questi se ne renda conto.
I videogiochi che hanno come tema centrale la violenza sono numerosi e seguiti da un vasto pubblico. La classifica dei dieci giochi più violenti mai creati e utilizzati al mondo comprende titoli e ambientazioni che vanno dalle scene di guerra a quelle di pura delinquenza. Giochi quali Mortal Combact, Call of Duty o GTA ( Grand Thieft Auto) contano milioni di giocatori e sono conosciuti anche da chi non è un appassionato del genere, tanto che i protagonisti di alcuni videogiochi sono persino entrati nell’immaginario collettivo.
Armi e violenza andrebbero comunque evitate nei videogiochi, soprattutto se diretti ai più giovani che, a causa del loro eccessivo realismo, potrebbero non riuscire più a distinguere tra finzione e realtà.

0
Commenti
  1. sarabee 4 anni ago

    Il tema

  2. ricanews 4 anni ago

    Complimenti per come hai sviluppato il tema, in modo chiaro, scorrevole e piacevole. Condivido pienamente quanto da te espresso in merito al fatto che i giovani abituandosi a vedere scene di guerra e di pura delinquenza potrebbero non pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account