Il problema dell’immigrazione è divenuto, specialmente negli ultimi anni, un fenomeno caratterizzato da molteplici motivazioni. Una delle maggiori cause è la povertà; emigrare in altri paesi rappresenta l’unica via d’uscita ad una vita passata nell’indigenza, altre volte il motivo alla base della spostamento è prettamente “politico”, come dittatura, persecuzione, guerre, genocidi che spingono l’intera famiglia a cercare la libertà in altri paesi. Il nostro paese negli ultimi decenni è stato visto un luogo ottimale per le immigrazioni, infatti sono migliaia le persone che sono approdate e stanno approdando nella nostra penisola. Tutto questo ha creato un vero problema e da anni questa questione infiamma l’opinione pubblica. Non a caso negli ultimi giorni si parla ancora di circa 480 migranti sbarcati sulle coste italiane. Il motivo per cui l’Italia viene scelta come luogo di immigrazione è dovuta oltre che alla sua posizione geografica anche ai pochi controlli costieri, quindi non avendo un filtro territoriale, come le altre nazioni, siamo sommersi da anni dalla presenza di clandestini. Questo flusso di immigrati purtroppo è destinato a crescere, se non viene posto un freno, infatti da parecchio lo Stato fronteggia questi problemi, per cui è necessario che il governo italiano metta in atto una strategia per ridurre questo crescente fenomeno di immigrazioni o almeno per limitare il numero degli sbarchi via mare. Secondo me, l’Italia dovrebbe cambiare la sua strategia umanitaria, mentre l’Europa dovrebbe fermare anche lei questo flusso di persone. L’Europa ha promesso che per giugno ci sarà un vertice al Parlamento europeo per parlare di tale problema con tutte le altre potenze, tale fenomeno preoccupa anche il papa Francesco che lo definisce uno dei problemi più grandi dopo la Seconda guerra mondiale.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account