È di qualche giorno fa la notizia della morte di altre 400 persone nel Mediterraneo, tanto che il Papa ha definito questa catastrofe come la più grande dopo la Seconda Guerra Mondiale.
Il Governo Italiano ha lanciato la proposta dell’Eurobond, ovvero denaro pubblico da inviare direttamente nei paesi africani per cercare di bloccare il flusso di migranti all’origine.
L’Europa ha reagito positivamente, tanto che se ne parlerà al prossimo vertice che si terrà a giugno.
Come cittadini e spettatori di questa tragedia immane, abbiamo il dovere di capire che cosa accade e, soprattutto, di pensare a come risolvere questo problema.
Io non sono contraria all’immigrazione, ma credo che l’Italia, attualmente, non sia in grado di garantire un futuro migliore a chi lo cerca.
L’Italia, e l’Europa in generale, non possono far fronte a tutto e a tutti visto il clima di semirecessione in cui ci troviamo.
La soluzione è semplice: aiutare i paesi poveri e in via di sviluppo a sviluppare una propria economia in modo tale che le persone non debbano più fuggire, ma restare e costruirsi nella loro nazione d’origine il proprio futuro.
Far fronte all’immigrazione ha senso quando puoi garantire un futuro a chi arriva, come accadeva prima in Italia, se non puoi far ciò non ha più senso.

0
1 Comment
  1. Marco 6 anni ago

    Ciao arianna3711!
    Hai dato le giuste informazioni sl problema dei migranti,sono d’accordo con te sul fatto che non avrebbe senso continuare ad accogliere quando non si pu

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account