La grande crisi finanziaria arriva in Italia nel 2009, riducendo il PIL del 3%: poco, ma abbastanza da coinvolgerci nei problemi economici del resto del mondo. Negli anni successivi, s’è registrata una progressiva ripresa degli stati con un’economia più solida, i quali hanno agito da traino per quelli minori o più instabili. In questo periodo buio, come sempre accade, le difficoltà oggettive hanno acuito l’ingegno dei singoli che, al di là delle teorie degli economisti mondiali, hanno avuto in certi casi il coraggio di lanciarsi in iniziative imprenditoriali di tutto rispetto. Si tratta delle startup: aziende innovative, create e gestite da giovani esperti del settore che, grazie ad un’ idea di base e ad un finanziatore che permette il tutto, riescono ad emergere più o meno nell’economia mondiale e aiutare il proprio stato ad uscire dalla crisi. Si possono citare per esempio nomi come Xiaomi, azienda cinese del 2010 valutata 46 miliardi di dollari, che sta diventando leader nell’ambito smartphone, oppure Uber, il sito di car-sharing più grande al mondo, valutato più di 41 miliardi di dollari. Insomma, vere e proprie multinazionali, che stanno contribuendo notevolmente alla ripresa del loro stato. Il dato però che fa più riflettere gli analisti è che, fra tutte le startup con valore superiore al miliardo di dollari, l’80% di esse sia di origine statunitense, il 10% cinese, il 5% indiane, il 3% europee e il resto sud coreane e canadesi. I dati sono presi dall’articolo di Federico Guerrini su “La Stampa” in data 08/01/2016, La classifica delle 65 startup da più di un miliardo. Insomma, dai dati sembra che l’Italia non si sia ripresa proprio per la mancanza di startup di successo, ma siamo fiduciosi: il governo sta agevolando molto queste nuove aziende e i giovani sanno sempre come stupirci.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account