Per essere startupper, bisogna essere stravaganti con le idee, geniali nella propria creatività e innovativi in ciò che si fa. Non sono poche le qualità che vengono richieste, ma non sono di certo difficili da ottenere. Molti coltivano in sé, magari sin da bambini, un’idea da realizzare, innovativa e di grande impatto. Di recente sono state progettate e realizzate la sveglia Ruggie e la Pantelligent da una startup americana, il primo ristorante social da una startup italiana. La prima consiste in un tappetino sensibile alla pressione con un orologio incorporato. La seconda è una padella intelligente: all’interno del manico è presente un sensore per la misurazione della temperatura. La padella comunica con smartphone e tablet, indicando e fornendo la temperatura raggiunta e di conseguenza il momento giusto per capovolgere l’alimento che si sta cucinando, evitando così eventuali bruciature. Infine vi è il primo ristorante social, nel quale è necessario essere multitasking. Uno sguardo allo smartphone, uno alla tv, uno ancora al cibo, e l’esperienza è garantita. Inoltre, al social restaurant sono presenti anche molti ospiti di rilievo: web stars, food blogger e vip. Si può condividere il tavolo con loro, scambiandosi opinioni virtualmente o guardandosi direttamente negli occhi. Molte idee si possono e si potranno ancora realizzare, sta a noi metterci in gioco e diventare startupper di rilievo. La posta in palio è alta, lo scopo sta anche nel realizzare qualcosa di natura ecosostenibile. Ora sediamoci alla scrivania, prendiamo un foglio bianco, una penna, giochiamo con la nostra immaginazione, pazientiamo pochi anni, davvero pochi, e diventiamo startuppers!

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account