Forse i politici di oggi hanno dimenticato cosa significhi giustizia. Non sanno cosa sia veramente. Non sanno forse in che modo creare uno stato giusto o quando un uomo sia giusto. E purtroppo è così in Italia.
Non sanno che la giustizia sta alla base di qualsiasi cosa. Forse dobbiamo tornare un po’ indietro nel tempo. Dobbiamo tornare abbastanza indietro, agli anni di Platone, che forse aveva azzeccato veramente il significato di giustizia.
Platone credeva nella finalità politica della filosofia. Aveva in mente una comunità perfetta, in cui i filosofi fossero al potere e venisse attuato una sorta di comunismo. Voleva eliminare la proprietà privata e fare in modo che tutti avessero tutto in comune poiché lo scopo era il bene di tutte le classi e non solo la felicità di una sola classe. Perché secondo lui la giustizia è l’adempimento del proprio compito e non di quello altrui.
So che questa è soltanto utopia, ed anche ai tempi di Platone si sapeva. E’ quasi impossibile che fosse realizzata una comunità del genere. Esisterà sempre l’egoismo dell’uomo che vuole tutto per sé e non si preoccupa degli altri. Esisterà sempre quell’uomo che cerca a tutti i costi la propria felicità e il proprio bene senza pensare a quello altrui.
Purtroppo è soltanto utopia.

0
Commenti
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Mi piace moltissimo lo stile con cui hai descritto la situazione e la tua considerazione sui fatti. Sono d’ accordo con te e ritengo che questo concorso sia una ottima possibilit

  2. nicotiri 5 anni ago

    Ciao,
    il tuo articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account