Noi viviamo in un’ epoca dove la pace e l’ uguaglianza sono uno degli argomenti più focalizzati, un po’ grazie ai social network con la quale ora più gente ha la possibilità di sapere cosa succede nel mondo esterno. Oggi però guardando la televisione mi accorgo che questa pace non c’è dappertutto soprattutto nei paesi arabi dove si combatte ancora in nome dell’ideologia e della religione. A mio parere la pace non lo si raggiungerà mai, se solo ci fossero ancora i grandi personaggi che hanno favorito la pace tra le persone come Martin Luther King e Gandhi. Grazie al loro coraggio, forza di volontà e desiderio di cambiare il mondo sono riusciti a cambiare e soprattutto a salvare milioni di persone, anche il loro modo di protestare era unico e senza la violenza sono riusciti ad ottenere tanto senza l’uso della forza. Dovremmo prendere esempio da loro, perché cercare di raggiungere la pace maneggiando un fucile? Perché ci rimette sono i civili che perdono tutto, casa, lavoro e oppure i loro famigliari.
Gente provate a pensare cosa succederebbe se dovesse scoppiare una guerra mondiale in questo istante, le nostre vite cambieranno tragicamente, la gente inizierà a morire e a soffrire per le vittime perché come per la maggior parte dei casi, come in tutte le guerre, sono i civili a pagarne il duro prezzo.
La guerra porta solo guerra e la morte porta solo morte, dobbiamo smetterla di ucciderci l’un altro, con la violenza non si risolvono i problemi anzi lo si peggiora, se invece usiamo le parole e la non violenza si può ottenere molto.
La pace può esistere se ci sono le disuguaglianze e le dittature? Ovviamente no, per la pace occorre garantire la libertà e giustizia in ogni popolo della terra.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account