Al giorno d’oggi è possibile pensare positivo? Pensare positivo è diventato ormai quasi impossibile, quando pensiamo ci concentriamo sempre sul lato negativo delle cose, come se la negatività fosse l’unica via di fuga. Ci è stato strappato il fattore della positività da quando sono iniziati una serie di eventi, soprattutto le guerre mondiali, che hanno scosso la vita di tutti. Non solo questo, ma anche tantissimi altri eventi storici che hanno portato a modificare il nostro modo di pensare. Prendiamo un esempio banalissimo: partecipiamo a un concorso di qualsiasi genere, tutti partiamo già con il presupposto di perdere. Se per una cosa così banale pensiamo questo, per le cose più ”serie” faremmo la stessa cosa, e di conseguenza non riusciremo più a trovare nemmeno una delle tante cosa positive in tutto ciò che ci circonda. Anche a livello sociale si ripropone lo stesso problema, infatti alcune persone vengono influenzate dalla negatività sentendo tutti i fatti di cronaca che vengono raccontati in tv, oppure per quanto riguarda la crisi economica, la disoccupazione etc. La gente per tornare a pensare positivo dovrebbe essere influenzata da un forte senso di pace e tranquillità, bisognerebbe vivere in un mondo migliore, un mondo in cui regna la serenità e la coesione sociale.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account