Al giorno d’oggi pensare positivo è molto difficile, quasi impossibile, poiché numerosi drammi stanno colpendo il nostro Paese e il mondo in generale. La situazione economica dell’Italia lascia molto a desiderare, la politica è diventata l’arte di saper ingannare la gente, non si trova lavoro nemmeno per miracolo e numerose famiglie ogni giorno patiscono la fame, senza che lo Stato le aiuti minimamente. Nei Paesi più poveri, centinaia di persone muoiono ogni giorno, per mancanza di cibo, igiene e di tutte le cose necessarie per vivere una vita dignitosa. Gli attacchi dell’ISIS sono divenuti quasi quotidiani e potrebbero arrivare in ogni parte del mondo da un momento all’altro, disseminando panico e terrore. Tutti questi eventi ci fanno credere che l’Universo stia cadendo a pezzi e noi non facciamo altro che essere pessimisti per il futuro e per tutto quello che verrà. L’aggettivo “pessimista” però non mi si addice, non riesco proprio a pensare qualcosa di negativo, non è nella mia natura. Penso piuttosto che tutto si possa superare, serve solo tanta buona volontà e una giusta dose di ottimismo. Ogni cosa tra quelle che ho elencato sopra è assolutamente risolvibile e se gli uomini si adoperassero per trovare una soluzione a tutto, vivremmo sicuramente in un mondo migliore. La mia proposta è quindi quella di lasciare da parte il pessimismo, essendo piuttosto ottimisti verso quello che accadrà in futuro, sperando sempre in cose migliori!

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account