E’ realmente impossibile pensare in positivo in questo tempo ci sono troppe cose che non vanno.
Un tema che mi spaventa a morte in questo tempo di crisi è proprio il lavoro.
Io che sono giovane e ho già vissuto un’esperienza lavorativa e ho visto come il lavoro non viene più gurdato come una cosa per mobilitare l’uomo ma come un’angoscia.
Io personalmente per non pesare ai miei genitori lavoravo anche quindici ore al giorno per una cicca di tabacco.
Mi è venuto male quando Renzi ha fatto i nuovi decreti legislativi al riguardo sul tema lavorativo. E’ vero che molti contratti a chiamata ecc.. sono stati eliminati mi è sembrato un bene perché sono quei contratti che fregano, ma con la riforma job act è venuta fuori un’altra fregatura, che invece nel elevarsi nel lambito lavorativo o restare comunque nel stesso livello tu puoi recedere così la paga è sempre minima per non parlare dei licenziamenti.
Io quando uscirò da scuola lo so già che la mia paga e il mio livello sarà basso ma allo stesso tempo so che farò di tutto nelle varie attività lavorative e il mio livello non crescerà e lo stipendio si alzerà di due tre euro e non di più.Quindi nel l’ambito lavorativo sarà un disastro.
Nel ambito della giustizia invece sarà sempre peggio , i colpevoli o i delinquenti come truffatori evasori fiscali ecc… non pagheranno le loro colpe perché riusciranno a pagare ottimi avvocati e uscirne puliti mentre le forze dell’ordine non hanno o non avranno neanche i fondi per la benzina o altre cose. Della serie “la giustizia sarà di quello che avrà più soldi”.
Nel ambito scolastico invece vedo sempre più tagli, molti professori precari e molta precarietà in questo ambito. la mia paura è quella che se chiuderanno le scuole pubbliche.
Potranno dire quello che vorranno ma un “popolo ignorante è più facile da comandare”.
Dopo questa panoramica è impossibile pensare in positivo.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account