Pensando a ciò che mi sta più a cuore, si affaccia nella mia mente una lunghissima lista di oggetti, tra cui sarebbe davvero difficile sceglierne una da salvare.
Molto probabilmente se mi fosse offerta la possibilità dell’utilizzo della corrente e dell’elettricità, salverei senz’altro il mio portatile. Per me in questi anni ha assunto un’importanza davvero particolare: è il mio passato, il mio presente e il mio futuro; è la mia passione, da sempre; è il mio portale verso il mondo. Rappresenta i miei sogni, la mia curiosità e la voglia costante di scoprire qualcosa di nuovo, di esplorare argomenti a me sconosciuti, il desiderio di imparare ad usare nuovi strumenti e ad arrangiarmi nelle varie situazioni.
Se invece il mio dover salvare un oggetto fosse indice di un cambiamento radicale del mondo in cui vivo, per cui l’elettricità scomparirebbe o non potesse essere utilizzata, la mia scelta cadrebbe su un libro. Quel libro che mi fa sognare e mi incoraggia a non mollare mai, a trovare una soluzione in quelle situazioni da cui sembra impossibile riuscire ad uscire. Sarebbe un costante promemoria del mio passato, che mi darebbe però quell’incoraggiamento e quella spinta di cui ho bisogno per non perdere me stessa.

Maria Vitali

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account