Se qualcuno mi chiedesse un solo oggetto da salvare, mi troverei in grande difficoltà nel dare una risposta. Forse così a primo impatto sceglierei di salvare il mio cellulare poiché gran parte delle attività che svolgo durante il giorno sono a lui collegate. Ma pensandoci su, forse ciò che salverei veramente è la videocamera di mio padre, le cui cassette raccontano la mia storia, le mie esperienze, e i bei momenti miei e della mia famiglia. Ho passato pomeriggi interi a rivedere i video dei miei primi passi, delle mie prime parole, della Prima Comunione e della Cresima, delle vacanze e dei pomeriggi estivi. Forse è grazie alla passione che mio padre ha da sempre per la videocamera che riesco a mantenere vivi ricordi che altrimenti sarebbero offuscati o non ci sarebbero del tutto. E nonostante abbia visto queste riprese milioni di volte, non riuscirei per nulla al monda a separarmene, perché mi appartengono, quasi delineano la mia storia, una sorta di carta d’identità che però si muove e parla. Ad alcuni potrebbe sembrare una cosa banale, poiché di video nella vita se ne possono fare a fiumi, ma probabilmente di momenti belli come quelli che abbiamo vissuto non ne avremo così tanti per questo mi ritengo fortunata ad averli immortalati tra quelle cassette per me speciali.

Chiara Vincioni

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account