Trovarsi a dover abbandonare la propria casa e poter scegliere un oggetto in particolare da portare con sè: cosa privilegiare? Andando per esclusione, nulla di tecnologico come il computer, piuttosto che la televisione o il cellulare perché in fondo non contengono nulla di affettivo cui non sia possibile rinunciare davvero. I libri? sarebbero un altro oggetto che molto probabilmente non verrebbe salvato da chi non ne ha mai letti tanti , nè dagli spiriti pratici che conterebbero di ritrovare nelle biblioteche quei pochi che magari hanno amato, ammesso volessero rileggerli. I gioielli? Anche chi non li indossa quasi mai, ci penserebbe un attimo su: per molti potrebbero avere un valore affettivo….. Cosa resta: il primo oggetto che salta in mente da salvare potrebbe essere costituito dalle foto, perché contengono una miriade di ricordi e raccontano in breve un po’ la storia personale e famigliare e inoltre, non salvandole, non si ritroverebbero più da nessuna parte.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account