Credo sia molto difficile pensare su due piedi a quale oggetto si potrebbe salvare in caso di incedio , terremoto, allagamento o qualsiasi altra catastrofe .
Mi è già successo in passato di trovarmi catapultata in un incedio e la prima cosa a cui pensi è salvare la propria abitazione, dove si è vissuti e cresciuti , in cui ogni singolo angolo, ogni parete della tua casa conosce tutto di te stesso e in cui noi ci ritroviamo sempre ben accolti. Inizialmente non ti accorgi nemmeno di cosa sta succedendo , si ha uno shock , rimani paralizzato e non sai nemmeno cosa fare .
Anche durante un terremoto, ci sono delle regole per cercare di salvarsi , come accovacciarsi sotto a un tavolo o proteggersi sotto lo stipite della porta, ma anche in questo caso la nostra paura , inquietudine , e finitudine prevale sulle moltissime regole rimanendo paralizzati e non riuscendo a reagire.

Penso che ognuno di noi vorrebbe salvare qualsiasi cosa che lo ha accompagnato nella sua vita , ma la cosa più saggia penso sia salvare la propria vita. La nostra vita non la potremmo riottenere, un cellulare, un libro , una nuova casa, la potremmo ricomprare.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account