Se arrivasse una tempesta improvvisa,un terremoto o magari se un meteorite cadesse sulla Terra penserei a salvarmi la pelle ,ma non prima di aver preso e portato con me una penna.
E’ strano,vero? Non mi sorprende che lo pensiate… D’altronde,a volte,anch’io mi rendo conto di essere un po’ troppo sopra le righe…Ma non posso e,soprattutto,non voglio farci nulla. La diversità,la particolarità,l’unicità… Ecco,sono queste le caratteristiche che rendono una persona eccezionale.
Ritornando alla mia penna… Sapete perchè la porterei con me? Per mettere su carta i pensieri e le emozioni del momento;per raccontare delle storie vere o magari per cimentarmi nella scrittura di una favola;per far sì che il mondo si ricordi di me. E’ un bisogno,una necessità che da un po’ di tempo riveste un ruolo particolarmente importante nella mia vita. Sì,ultimamente passo le mie giornate a scrivere.Scrivo di me e di chi mi sta attorno… Non so se diventerò una scrittrice perchè di sogni nel cassetto ne ho così tanti da avere una confusione abissale in testa.Ad essere sincera,non so neppure se possiedo i requisiti per diventarlo. Forse lo capirò proprio nel bel mezzo di una tempesta. Chi lo sa? Così è la vita.

Laura Aversa

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account