Se avessi un dollaro da donare, farei il giro della mia città nei luoghi dove so che è più concentrata la povertà e i problemi sociali e cercherei tra le persone gli occhi dalla luce più persa e più triste.
Quando ero piccolo vedevo sempre la mia mamma dare qualche monetina ai bisognosi, e un giorno, parlando con lei, ho pensato che non è possibile essere felici finché siamo circondati di persone che soffrono. La felicità penso che posso essere raggiunta a livello individuale anche quando il nostro sguardo incontra facce serene e sorridenti che compongono un’atmosfera di generale benessere.
A volte può succedere infatti che, anche se sono contento e tranquillo ma incontro qualche mendicante o venditore affaticato dal peso dei suoi poveri oggetti in vendita, provo un’immediata sensazione di dispiacere e di pena e il desiderio di potergli dare una mano.
Non capisco come tanta gente possa sperperare enormi ricchezze in modo inutile, quando a volte basterebbe un solo dollaro per alleviare la sofferenza di qualcun’altro, infatti c’è gente per il quale, anche solo un dollaro è una grande ricchezza.

1 Comment
  1. martinamaida 7 anni ago

    complimenti, hai scritto davvero un bell’articolo.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account