Il terrorismo è ora più che mai il centro del problema internazionale; la paura per questa organizzazione islamica ha davvero messo in ginocchio tutto il mondo. La Francia è l’esempio maggiore di questa piaga mondiale; i frequenti attacchi (Chearly Habdo, Stade de France, teatro Bataclan) stanno ormai terrorizzando tutte le nazioni, che si stanno alleando per combattere il “terrore ISIS”.
La paura è tanta, ognuno, ormai, teme di essere ucciso da un pazzo per strada, proprio come a Parigi, ma tutto questo va combattuto, non possiamo segregarci in casa aspettando che tutto questo passi; dobbiamo agire, tutte le nazioni devono allearsi, perché non possono rubarci la libertà. La paura del terrorismo può pesare non solo sulla nostra indipendenza ma anche sull’economia mondiale e sulla crescita delle nazioni. Non è sicuramente facile, soprattutto se i finanziamenti avvengo da nazioni che sono molto forti dal punto di vista internazionale e militare, come per esempio gli USA che si pensa siano i finanziatori di questi terroristi, nonostante il presidente Barak Obama e il vice presidente Joe Biden abbaino smentito le voci accusando i loro alleati del Golfo di non essere stati prudenti già dal periodo di Osama Bin Laden con Al-Qaeda; non sappiamo cosa c’è dietro tutto questo e non possiamo trarre conclusioni affrettate, la cosa più importante è che il mondo rimanga unito senza farsi influenzare dalla paura che ci assale in questo momento di cresi mondiale.

0
1 Comment
  1. hamid123 5 anni ago

    Un bellissimo articolo ti dovrei fare i miei complimenti per quello che hai scritto..
    Hai fatto bene ad indicare il finanziatore dell’Isis, dato che tanti si dimenticano… mi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account