Ultimamente l’argomento di cui ci si sente parlare con maggiore frequenza é sicuramente il terrorismo, con i suoi prepotenti attacchi che distruggono città, che uccidono persone, fisicamente e moralmente. A dir la verità, quando accadono queste stragi ( solo così possiamo chiamarle) tutti ci sentiamo coinvolti e tutti cerchiamo aiutare le famiglie che vengono colpite dall’Isis, un po’ come é successo quando Parigi si é trovata improvvisamente sotto assedio. Inoltre penso che tutti abbiano paura quando si sente di questo terrorismo in televisione, perché ognuno pensa cosa potrebbe succedere in futuro anche alla propria città, alla propria famiglia, ma anche a se stesso. Sinceramente io, sentendo tutte queste notizie, ho un po’ di paura del terrorismo perché ormai si vive con la costante paura, soprattutto nelle grandi città, di essere colpiti ovunque; nella metropolitana, in uno stadio ma anche in un semplice bar. Io provo anche paura nel pensare a come mi sarei sentito se fossi stato colpito direttamente dall’Isis, nel pensare a cosa avrei fatto e nel pensare se un giorno avrei lasciato indietro la paura dell’Isis per “ritornare” a vivere normalmente. Io non posso che continuare a sperare che un giorno l’Isis sarà solo un ricordo lontano, una parola inutile e banale che nessuno riesce a ricordare e che finalmente tutte le persone possano vivere senza la paura di essere perseguitati, ovunque…

0
Commenti
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Non trovo questo articolo cos

  2. skellingtons 5 anni ago

    Questo argomento poteva essere sviluppato in maniera molto pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account