Ognuno di noi ha delle paure, anche se non tutti lo ammettono. Molte paure si racchiudono in una parte di noi, sprofondano nell’inconscio. Sono paure che non si manifestano spesso, ma quando improvvisamente accade qualcosa, ci fa ricordare che è proprio quella la nostra paura, proviamo emozioni che non avevamo mai provato e improvvisamente ci sentiamo mancare il fiato, quelle paure non sono più immerse in quella parte nascosta di noi, ma escono allo scoperto, e probabilmente, anche se non lo vogliamo far notare, gli altri se ne rendono conto.
La paura del terrorismo è una di queste. Quando è tutto tranquillo, o quando ci rifugiamo in una bolla immaginaria senza voler sapere che cosa accade intorno a noi, beh in questi momenti non proviamo paura, ma siamo spensierati e pensiamo al nostro piccolo, a stare bene. Quando accadono fatti più gravi, che non possiamo ignorare, come quello del 13 novembre, beh sicuramente non possiamo evitare di provare delle sensazioni remote, che prima non avevamo provato.
L’imprevedibilità dei fatti rende tutto più misterioso, pericoloso e questo crea timore in noi. I terroristi colpiscono quando non ce lo aspettiamo, ci fanno pensare che vada tutto bene e quando è tutto tranquillo agiscono inaspettatamente.
Personalmente mentirei se dicessi che non ho paura, ne ho, la paura non è abbastanza però per togliermi la voglia di vivere, per privarmi della mia libertà. Penso che dovremmo imporci dei limiti, ma non possiamo rinunciare a vivere come abbiamo sempre fatto, sarebbe una follia cambiare le nostre abitudini perché delle persone potrebbero sconvolgerci la vita da un momento all’altro… Penso che dovremmo cercare di goderci la vita, consapevoli che questo orrore non finirà molto presto e cercando di essere fiduciosi e positivi per far tornare queste paure in quella parte nascosta di noi e sperare di non provare più emozioni simili.

0
Commenti
  1. mohamed2014 5 anni ago

    Ciaoooooooooooooooo
    Complimenti per l’articolo , soprattutto per la foto che

  2. hamid123 5 anni ago

    Ciaoo, Mi

  3. dada1998 5 anni ago

    Buongiorno dalla redazione virtus,
    Hai fatto un bell’articolo, mi

  4. federotulo 5 anni ago

    Un articolo ben strutturato, uno dei pochi in questo concorso che comincia con una signora Introduzione. Ti appoggio in pieno quando dici che dobbiamo continuare a vivere, perch

  5. Marco 5 anni ago

    Complimenti, hai fatto un bell’articolo in cui fai trasparire il senso della paura che, inevitabilmente, attraversa tutti noi in questo periodo . Non lasciamoci , per

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account