Dopo gli attentati di Parigi tutti sono rimasti, specialmente le capitali dei vari Stati, scossi dalle minacce terroristiche, infatti in alcune zone, ritenute a rischio attentato, è stato imposto il coprifuoco. Tutti hanno paura poiché nessuno degli Stati può ritenersi al riparo dalle minacce terroristiche.
Molti, però, a causa delle minacce terroristiche, smettono di vivere: si barricano in casa, evitano i luoghi affollati, si guardano sempre intorno.
Non tutti sono disposti però ad obbedire a tali misure, poiché ritengono che non sia giusto non potersi divertire tranquillamente e vivere sempre nel terrore. La vita deve continuare.
Certo, purtroppo i terroristi attaccheranno, ma in giorni, secondi, attimi in cui nessuno se lo aspetterà, pertanto molti pensano che non si possa smettere di vivere per paura del terrorismo. Un maggiore controllo delle forze dell’ordine può e deve essere sufficiente.
Concludo dicendo che tutti siamo spaventati, ma né la paura, né misure estreme aiuteranno i nostri Paesi a sconfiggere l’Isis. Nel corso dei secoli non si è mai riusciti a sconfiggere definitivamente il male, neanche con le guerre, credo che non ci sia una soluzione definitiva a questo difficilissimo caso, ma so di certo che smettere di vivere per paura del terrorismo non ci aiuterà di certo in questa battaglia, tra “bene” e male, che da sempre va avanti.

0
1 Comment
  1. hamid123 5 anni ago

    Ciao !

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account