Il terrorismo diventa un fenomeno sempre più pericoloso e che è andato evolvendosi nel corso degli anni. La gente ha paura, teme di saltare in aria da un momento all’altro. L’ISIS ci controlla, gestisce il suo potere e diventa sempre più forte. Cosa sta succedendo? L’Umanità sta vivendo una profonda crisi sociale che mette a rischio i diritti e i doveri che noi uomini ci siamo conquistati nel corso della storia. Bisogna fare qualcosa per fermare il fenomeno del terrorismo e bisogna farlo subito. Molti sono stati gli interventi fatti da Presidenti e Governatori, ma chi di loro ha fondamentalmente fatto qualcosa? Nessuno. I nostri governatori non si preoccupano di mettere fine a questo sterminio. Gli unici provvedimenti che sono stati presi riguardano gli ordini dati alle forze dell’ordine di controllare molto di più le zone più importanti di ogni paese. Ma a cosa serve controllare e prevenire una strage se non si risolve il problema all’origine? I Presidenti dell’Unione Europea dovrebbero essere meno ipocriti e cominciare a pensare al benessere reale del paese. Vogliamo fermare il terrorismo? NON METTIAMO LE ARMI IN MANI SBAGLIATE, NELLE MANI DI QUESTA GENTE, NELLE MANI DEI TERRORISTI, IL CUI UNICO SCOPO E’ QUELLO DI FARE FUORI E UCCIDERE TUTTI COLORO CHE NON RISPETTANO E CHE NON SEGUONO LA LORO RELIGIONE E IL LORO DIO. Cari Presidenti Europei, prendete in mano la situazione. Il popolo ha bisogno di certezze e soprattutto di benessere e pace. La guerra non è la soluzione adatta per risolvere tale problema. D’altronde non sarebbe da persone molto intelligenti risolvere la guerra con la guerra. Presidenti, allontaniamo gli interessi sociali e per una volta diamo spazio al pensiero del popolo e alla sua libertà decisiva. Il business non conta in questi casi, ciò che conta è salvaguardare la vita di ogni uomo di questa terra.
NO ALL’ISIS, NO AL TERRORISMO, NO ALLA GUERRA!

0
1 Comment
  1. dada1998 5 anni ago

    Buongiorno dalla redazione Virtus,
    Ho letto il tuo articolo, mi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account