Dopo il primo attacco a Parigi da parte dei terrosti, tutta l’Europa vive in un continuo stato di allerta. Le minacce ricevute dall’Isis sono state tante, troppe e causano terrore, panico e scompiglio.
Dire che non ho paura sarebbe una falsità, io ho paura, ma non ho alcuna intenzione dì privarmi della mia stessa libertà perché è proprio ciò che essi vorrebbero ottenere. La paura fortifica, ma è difficile debellarla tanto quanto è difficile trovare ed eliminare la sua causa: i terroristi. Questa gente è ovunque, è intorno a noi. Può essere il nostro vicino di casa, un nostro amico, o semplicemente un nostro concittadino. Questo è ciò che ci spaventa maggiormente e che, purtroppo, ci ha portato ad usare la violenza: il fatto che potrebbero essere in qualunque posto e che è impossibile riconoscerli. Ma sappiamo benissimo che la violenza contro altra violenza non porta a nulla di buono. Ciò che serve è l’ingegno, la capacità di reagire alle loro brutalità e soprattutto mostrarci sempre forti davanti agli ostacoli che ci pongono. Non dobbiamo lasciare che questa gente si impadronisca della nostra vita e che ci impedisca di trascorrerla come abbiamo sempre fatto fino ad oggi.

0
Commenti
  1. dada1998 5 anni ago

    Buongiorno dalla redazione Virtus,
    Ho letto il tuo articolo, mi

  2. hamid123 5 anni ago

    Direi che

  3. paolaaa 5 anni ago

    Concordo pienamente con te.
    Affermazioni personali molto sentite, in generale hai fatto capire la pericolosit

  4. Marco 5 anni ago

    Hai scritto un articolo breve ma semplice e chiaro,affrontando l’essenzialit

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account