Buon giorno a tutti/e ragazzi/e
Dopo i recenti attentati terroristici a Parigi ho sviluppato un mio pensiero sul terrorismo. Personalmente non mi fa paura, perché penso che per ora non sia un fenomeno che riguardi l’Italia.
Dovesse, ma spero di no, capitare qualcosa nella nostra Nazione allora inizierei a preoccuparmi di più. Forse la mia sicurezza e tranquillità è data dal fatto di vivere in un piccolo paese, dove non si organizzano manifestazioni o feste che potrebbero rientrare tra i posti a rischio attentato.
Vivessi in una grande città avrei più paura. Comunque mi capita di pensare al terrorismo in situazioni in cui mi trovo in mezzo a tanta gente come, pochi giorni fa, mentre visitavo l’esposizione EICMA a Milano. Informandomi sono venuto a conoscenza delle nuove leggi francesi contro il terrorismo.
Sono speciali disposizioni di verifica che andranno a violare la privacy dei cittadini, attraverso il controllo di cellulari, computer e profili sui social network. Momentaneamente in Italia non esistono queste leggi, dette “speciali”.
La mia opinione a riguardo è che queste leggi siano eccessive perché trovo che sia un sistema invasivo che vada ad intrufolarsi troppo nelle vite dei cittadini.
Se proprio dovranno attivarle anche in Italia per combattere il terrorismo va bene, a patto che, secondo me, siano leggi e provvedimenti temporanei.
Oltre a queste leggi penso che la politica nazionale ed estera debba dare l’ordine alle truppe di attaccare lo Stato Islamico il prima possibile, per evitare che i terroristi abbiano il tempo di organizzare altre azioni.
In chiusura sono dell’idea che, di fronte al terrorismo, la politica si debba unire e lasciare da parte le lotte tra i partiti.

0
1 Comment
  1. sarabee 5 anni ago

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account