Forse, non tutti saranno d’accordo, ma penso che i videogiochi se usati con criterio possono essere una nuova frontiera di conoscenza. Certo, senza farne un uso e senza presentare quelle scene di violenza degne di un campo di battaglia siriano. Penso che se usassimo i videogiochi con cognizione di causa, per migliorare il livello di cultura o conoscenza nei ragazzi, potrebbero portare ad una svolta positiva. Aiutati da una buona dose di scene epiche e una buona grafica, questi giochi potrebbero fare molto. Qualcosa che possa farci sentire parte di un pezzo della nostra storia, che è stato, è e sempre sarà parte di noi. Viverlo, anche tramite una console o un computer è riduttivo, ma è sempre bello, studiare, facendo qualcosa che ci piace. Non annoiandoci. Un gioco carino, che potrebbe aiutare nella comprensione di come magari era strutturato il mondo romano, sarebbe impersonare un grande imperatore e ricreare un impero che magari rispecchia la persona che sta dietro lo schermo. Un videogioco dove chiunque si può sentire importante per un solo momento. Imparando. Istruire tramite qualcosa che potrebbe attrarre. Una cosa intelligente, che va presa in considerazione. Riflettiamoci.

0
1 Comment
  1. bpersico 4 anni ago

    “Aiutati da una buona dose di scene epiche e una buona grafica” forse le noiosissime lezioni di greco o di storia potrebbero, come hai detto tu, diventare molto pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account