Caro amico,
sono molti i ragazzi che decidono di abbandonare gli studi per andare a lavorare ma, quando entrano a far parte del mondo degli adulti e si trovano ad affrontare tanti problemi quotidiani, generalmente si pentono di questa scelta. Solo allora capiscono l’importanza di possedere un titolo di studio e le diverse opportunità di lavoro che esso può consentire. Per non parlare anche dei vantaggi di una buona istruzione.
La scuola superiore, infatti,permette di conseguire un’istruzione e una preparazione adeguate per occupare un buon posto di lavoro. Non per forza dopo il diploma si deve proseguire con l’università, perché non tutti si sentono pronti per affrontare un percorso abbastanza difficile e lungo, però, secondo me,è necessario finire almeno la scuola secondaria di secondo grado.
Una buona istruzione, peraltro, gratifica anche a livello personale perché dà la possibilità di potersi confrontare con altre persone; quando ci si trova ad interloquire con gli altri è bello non sentirsi a disagio e poter esprimere la propria opinione con proprietà di linguaggio, senza aver paura di dire sciocchezze o magari sbagliare un verbo o una frase.
Molti ragazzi oggi sono abbastanza fortunati perché hanno l’occasione di continuare il percorso scolastico grazie al sostegno economico dei genitori che offrono tutto il necessario per affrontare gli studi e conseguire il diploma, ed inoltre rispetto al passato disponiamo dei mezzi informatici che risultano essere utili per consultazioni od approfondimenti didattici.
Nel secolo scorso la vita era piena di difficoltà. I ragazzi alcune volte erano costretti ad abbandonare gli studi a causa delle circostanze economiche o familiari disagiate, non era facile per i genitori mantenere i propri figli, i quali contribuivano con il loro lavoro a sostenere la famiglia.
Per fortuna oggi non è più così, i genitori hanno acquisito un certo benessere economico ed una autonomia tale da poter sostenere le spese scolastiche. Allora, caro amico, perché non trarne giovamento? Anche gli studenti più svogliati, con un relativo impegno nello studio possono puntare ad un futuro che assicuri loro una vita migliore.
Inoltre sono convinta che per i giovani sia molto importante perseguire i propri sogni, i quali però, senza delle basi solide, diventano solo delle fantasie. Secondo me il punto di partenza per costruire un proprio sogno è l’istruzione, con essa si può fare di tutto. Ma ci vuole anche tanta costanza e tanta voglia di riuscire a raggiungere ad ogni costo il traguardo prefissato.
Mi viene in mente in proposito il film “La ricerca della felicità” in cui il protagonista è animato da tanta voglia di raggiungere gli obiettivi prefissati che trova la forza di superare ogni ostacolo. Nel film c’è una frase bellissima: “non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa, se hai un sogno lo devi proteggere!”. Quindi non bisogna permettere all’ignoranza di prendere il sopravvento e distruggere i nostri obiettivi, bisogna lottare fin dall’inizio per raggiungere quello che si vuole e anche se a volte ci sono quei periodi bui, magari perché un’interrogazione è andata male oppure perché si attraversa una fase in cui non si ha voglia di studiare e tutto ciò che si fa sembra sbagliato, non bisogna mollare ma continuare, con un po’ di impegno tutti possono riuscire a prendere il diploma. Anche tu! basta solo credere in se stessi.
Caro amico, credo che, quando sarai grande e avrai un ottimo lavoro, ma soprattutto sfrutterai tutto ciò che hai imparato durante gli anni passati a scuola, penserai che hai fatto bene a proseguire gli studi.

0
1 Comment
  1. minervamc 5 anni ago

    Hai proprio ragione. Ormai sono tutti convinti del fatto che la scuola sia un obbligo, e non un piacere ; tornando indietro di un secolo, come hai detto tu, si potrebbe davvero capire quanto fosse difficile ottenere un’istruzione e anche apprezzare ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account