Caro Luigi,
è triste vedere il tuo banco vuoto, perciò ho deciso di scriverti due righe per farti riflettere e convincerti a ritornare a scuola con noi.
Sono sicura che la tua decisione di abbandonare gli studi sia dovuta a un momento di confusione, oppure a un breve momento di stanchezza e credo che, col senno di poi, ti pentirai sicuramente.
Molti sono gli studenti che si arrendono alla prima difficoltà probabilmente perché non si sentono pronti ad affrontare prove difficili, o perché sottoposti a forte pressione da parte dei genitori, o sono convinti che la scuola sia solo una perdita di tempo e studiare non serve a nulla. Sconosco le tue motivazioni ma, per l’amicizia che ci lega, mi sento in dovere di dirti quello che penso.
Secondo me continuare gli studi è la migliore scelta da fare per vari motivi. Grazie allo studio si accresce la propria cultura, si apprendono nuovi vocaboli e diverse conoscenze teoriche e pratiche che sono basilari per acquisire una buona formazione e una preparazione necessarie per sapersi muovere anche fuori dalla scuola quando un giorno finirà.
L’istruzione è necessaria per la vita, non bisogna vivere nell’ignoranza, perché la gente ignorante è priva di valore ed inoltre è più facile da sottomettere e da comandare. E’ proprio questo che si deve evitare. Una persona che studia, che acquisisce conoscenze e competenze, non si imbarazza quando si trova a dialogare con altre persone, non ha paura di sbagliare, di dire qualcosa di inopportuno.
Non si deve per forza mirare ad alti livelli come le università, basta anche arrivare fino alle superiori conseguendo un diploma che consenta di proiettarsi nel mondo del lavoro, specialmente ai tempi d’oggi nei quali è difficile trovare e mantenere un’occupazione. Capisco che gli esempi di giovani in possesso di un titolo di studio che la società ci offre sono talvolta scoraggianti, perché tanti non trovano un’occupazione corrispondente al titolo di studio conseguito e spesso sono costretti ad allontanarsi dalla loro terra e a lasciare i familiari. Tuttavia sono fermamente convinta dell’importanza dell’istruzione. Secondo me fin da piccoli bisogna essere consapevoli che studiando si inizia a costruire il proprio futuro pezzo, dopo pezzo, partendo dalla base perché basta avere delle buone basi per arrivare in alto e poter realizzare i propri sogni ma anche per godere nel futuro di una vita di buona qualità.
Tutto ciò si ottiene solo mettendoci un po’ di impegno, senza arrendersi mai e non fermarsi al primo ostacolo.

In fondo noi siamo persone fortunate perché i nostri genitori possono mantenerci negli studi, pensa a quanti invece pur volendo studiare non possono per motivi economici.
Mi auguro che rifletterai sulle mie parole e spero di riaverti al più presto in classe con noi.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account