Le Primarie sono una competizione elettorale attraverso la quale gli elettori o i militanti di un partito politico scelgono i loro rappresentanti per una successiva elezione di una carica pubblica, le “poltrone principali”.
In questi giorni sono iniziate quelle negli USA, un evento di portata mondiale, sia per la loro spettacolarità, che per la loro importanza: i candidati come Hilary Clinton, Donald Trump salgono su pullman, attraversano l’intero Paese e tengono comizi per presentarsi all’elettorato.
Tantissime sono le persone che partecipano alle primarie in America.
In Italia questo metodo è stato adottato recentemente non attirando però un numero elevato di cittadini elettori.
Ci sono state da poco quelle del Partito Democratico, a Milano, per la nomina del candidato sindaco, ma i numeri non sono stati come quelli degli Americani: a Milano hanno votato in circa 60 mila cittadini.
A mio parere, le primarie, possono rappresentare un qualcosa di positivo, ma non sono indispensabili, anche perché in Italia ci sono molti altri problemi da risolvere al momento.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account