Innumerevoli catastrofi ambientali ultimamente stanno affliggendo il nostro pianeta. Tutti questi disastri si sono verificati a causa nostra e del nostro mancato rispetto verso il luogo in cui viviamo. Le ultime alluvioni e trombe d’aria costituiscono solo una minima parte di ciò che è capitato in tutti questi anni, basti pensare ai molteplici incendi, causati dalla nostra negligenza, che annualmente distruggono i boschi. Perché non ci fermiamo qualche minuto e riflettiamo su come cambiare il nostro comportamento per rispettare il più possibile l’ambiente? Non pensiamo al benessere del pianeta finché ogni cosa sembra andare per il verso giusto, ma appena accade qualcosa di negativo ci rendiamo conto degli errori commessi. Occorrerebbe una maggiore attitudine alla prevenzione. Siamo incuranti dello stato della Terra perché siamo stati abituati in questo modo. Oltre a ciò entra anche in gioco la mancata volontà di contribuire all’aumento della vivibilità del nostro pianeta. Nonostante le conoscenze in ambito scientifico e tecnologico che abbiamo e nonostante gli sforzi dei ricercatori di trovare metodi alternativi per inquinare meno, pochi anzi pochissimi danno il proprio contributo alla salvaguardia dell’ambiente; senza lo sforzo di ogni singola persona non sarà mai possibile arginare queste catastrofi. Emblematiche in tal senso i recenti problemi ambientali che hanno creato grossi disagi in Italia. Devastanti alluvioni, come quella che ha colpito Genova, e frane, per esempio nel Piemonte, sono solo una parte di tutti i disastri che negli ultimi anni hanno colpito varie parti del mondo causando distruzione, morti e feriti. L’innalzamento del clima è infatti da imputare alle massicce emissioni di anidride gassosa e altri gas nocivi per l’ambiente. E’ una cosa risaputa che le abitudini siano qualcosa difficile da variare ma basterebbero pochi e facili gesti come ad esempio evitare gli sprechi, in particolare dell’acqua, o cercare di non lasciare accesi il computer o la televisione quando non vengono usati per aumentare la vivibilità sulla Terra. Molti inoltre non riflettono sul fatto che se l’ambiente in cui viviamo fosse più sano e rispettato vivremmo meglio in quanto le catastrofi naturali distruggono le città, arrecando ingenti danni a tutta l’umanità. I modi e i tempi per lavorare sulla salvaguardia del pianeta ci sono e ognuno deve quindi impegnarsi ad adottare uno stile di vita più ecologico e conforme a un minore sfruttamento delle risorse.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account