Vivo in veneto in un paese vicino a Cortina d’Ampezzo e molte volte quando torno a casa da scuola, dopo aver mangiato, mi metto davanti alla tv e guardo i telegiornali e vedo un giornalista che dietro di se ha un disastro naturale; quindi mi fermo un attimo e rifletto a quanto sono fortunato a vivere in questo paradiso tra le montagne dove non capita mai niente di pericoloso. Continuo ad ascoltare il giornalista, che dice che l’argine del fiume era troppo basso e quindi l’acqua a strabordato allagando tutta la città.
Andando a fondo sulla questione si scopre che l’argine era troppo basso perché il sindaco o l’adetto a questo lavoro aveva fermato i lavori della costruzione dell’argine.
dopo il giornalista continuò a parlare dei danni causati ecc. . Vorrei far notare che è stata quella persona che ha fermato i lavori che ha causato tutto questo, che non ha prevenuto questo disastro.
Siamo nel 2014, possiamo fare di tutto con la tecnologia ma la maggiorparte delle volte la usiamo solo per causare danni perché non credo servisse tanto per capire che l’argine era troppo basso e metteva a rischio la sicurezza della città.
Questo è uno dei tanti esempi che si possono fare per dimostrare che la maggioranza dei disastri è colpa del uomo.
l’uomo invece che difendere la natura di questo pianeta sembra faccia di tutto per distruggerla, la nostra terra sta soffrendo per i nostri comporamenti, per il nostro non pensare ad un futuro sano con un pianeta che sta bene. Siamo una massa di bambini ignoranti e viziati, siamo degli egoisti che pensiamo solo al benessere di noi stessi.
Abbiamo una mentalità da stupidi perché anche sapendo che il mondo sta andando a rotoli continuiamo a fare ciò che abbiamo fatto fino ad adesso.
Non so che futuro ci sarà per il nostro pianeta o come esso reagirà più in avanti e non so nemmeno a che punto dovremmo arrivare per dire: “aspettate, fermiamoci un attimo, stiamo sbagliando tutto, ragioniamo

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account