Se dovessi privilegiare un solo libro tra milioni di esemplari diversi, di certo ne sceglierei uno che in qualche modo rappresenti tutti gli altri. E quale libro meglio della divina commedia di Dante Alighieri svolge questa funzione? Innanzitutto c’è da dire che è un romanzo storico che è stato considerato uno dei più importanti se non il più importante romanzo di tutta la letteratura italiana, e questo perché pur essendo stato scritto molti secoli fa affronta temi attuali, descritti però con una fantasia immensa. Dante infatti in questa opera descrive un viaggio immaginario che egli stesso compie nei luoghi in cui si crede e si credeva essere ambientata la vita dopo la morte allo scopo di affrontare il suo cammino di fede personale. Dante in quest’opera vede la fine di tutte le persone che si sono comportati male e bene nella loro vita terrena, e alla fine, riesce a vedere e percepire la luca immensa di Dio. Proprio grazie a questo romanzo il celebre poeta fiorentino viene considerato il padre della letteratura italiana e questo vuol dire che sia all’epoca in cui viveva, che in quella attuale la Divina Commedia è stata apprezzata da tutti, e di certo non solo io, ma anche molti altri vorrebbero salvare questo eterno libro.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account