Devo ammettere di non essere uno di quelle persone che si dedica quotidianamente alla lettura dei libri, consapevole del fatto che ciò non sarebbe una cattiva idea. Quando mi capita di comprare un libro, devo ammettere che non ho un genere preferito;infatti quando leggo mi calo completamente nella parte di un personaggio ed è come se vivessi la storia in prima persona. Ma se dovessi scegliere un libro da salvare, quale sarebbe? Ovviamente, come tutti, ho un libro che mi ha particolarmente colpito e che mi ha interessato particolarmente. Questo è “Matilde- non aspettare, la vita non ti aspetta” di Daniela Rabia. Il libro ha come protagonista una donna, che nel giorno del suo quarantesimo compleanno decide di dare una svolta importante alla sua vita; non cadere più nella trappola della programmazione, ma vivere giorno per giorno, godendo tutto ciò che il mondo ti offre. Così Matilde inizia a fare diversi giri per la Calabria, alla scoperta di nuovi paesaggi che riescono a tramettere ognuno emozioni diverse.
Devo ammettere che, a primo impatto, il libro non mi ha colpito molto. Successivamente però mi sono dovuto ricredere, perché mi ha fatto capire davvero cosa vuol dire “vivere la vita”, essere felici senza pensare a nient’altro tranne che trascorrere a pieno la giornata.
Consiglio a tutti di leggere questo libro, perché probabilmente con una semplice lettura del mio articolo non si può capire davvero quante emozioni sia capace di trasmettere. Più che un libro, infatti, esso è una lezione di vita.
Concludo citando proprio una frase di questo libro: “Perché pensare a domani? Perché ricadere nella trappola della programmazione? Ricorda la vita non ti aspetta, e tu fai come lei, non aspettare nulla e soprattutto non ti aspettare niente. Semplicemente vivi”.

1 Comment
  1. stier2015 7 anni ago

    Ciao filo00 dalla redazione Menti in azione!

    Trovo il tuo articolo scorrevole e grammaticalmente corretto. Il libro che tu hai citato l’ho letto anch’io e devo ammettere che ho avuto la tua stessa impressione. Il libro all’inizio non mi ha colpita, ma poi ho cambiato idea, proprio come te.
    Il messaggio che mi ha trasmesso

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account