Ancora ricordo, anche se con un minimo di difficoltà, quando in macchina i miei genitori ascoltavano la musica con le cassette musicali. È bene specificare perché poi c’erano anche le cassette per i film. Indimenticabile è, per me, il film “Fuori in sessanta secondi”, che vidi e rividi più volte durante la mia infanzia.
Oggi le cassette non vengono più utilizzate. Si è passati a DVD e CD per poi approdare alla musica e ai film scaricabili e/o visibili su computer o altre apparecchiature simili.
C’è chi, a tal proposito, ha parlato di perdita di materialità, nel senso che ormai non c’è più bisogno di stereo e CD, marcando questo come fatto negativo.
Vorrei però far notare come questo è quello che accade ormai da anni. Infatti, come prima dello streaming c’erano DVD e CD e prima ancora c’erano le cassette, ben più ingombrati, queste hanno sostituito i dischi in vinile. Sempre, in questi casi, il costo minore e, soprattutto, le dimensioni più comode, hanno prevalso sui vecchi mezzi. Perché mai, dunque, proprio ora questi fattori, che hanno spinto l’uomo a inventare tecnologie nuove, dovrebbero essere rinnegati?
Così come ora si discute sulla possibilità di non usare più CD e DVD in futuro si parlerà di non usare più cellulari e computer per scaricare la musica.
Siamo uomini ed in quanto tali cerchiamo sempre una soluzione più comoda e pratica; questo abbiamo fatto fin’ora, questo ci spinge a migliorare ed evolverci continuamente e questo continueremo a fare, perché conviene.

0
Commenti
  1. lucchinimart 6 anni ago

    Ciao vitto07 dalla redazione veni vidi vici!
    L’articolo in se

  2. mohamed2014 6 anni ago

    Bel post.
    Mi piace molto l’immagine, mentre il testo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account