Con il passare degli anni sono state inventate sempre più tecnologie con lo scopo di semplificare la vita dell’uomo.
Una delle più recente sono gli smartphone con tutti i confort che essi offrono: come sapere le notizie in tempo reale o avere tutte le informazioni, con l’uso di internet, sempre e in qualsiasi luogo.
Un altro miglioramento che la tecnologia ha portato è la velocità e la semplicità con cui si può accedere a film o canzoni attraverso delle applicazioni presenti nei nostri dispositivi elettronici.
Questo però ha reso la musica o i film oggetti immateriali che le persone dimenticano facilmente.
Invece prima per ascoltare musica o vedere film bisognava andare a comprare i dischi o i cd e avendoli in casa potevano essere riascoltati o riguardati e non dimenticati come succede oggigiorno.
Io penso che questa nuova forma di “cultura” sia giusta poiché le tecnologie avanzano ed è giusto incentivare il progresso. Penso inoltre che per una società così avanzata e abituata alle comodità delle tecnologie sia impensabile usare ancora i cd o addirittura i dischi in vinile poiché sono strumenti “scomodi” in quanto richiedono un lettore cd o uno stereo per essere ascoltati. Invece la musica “liquida” può essere sentita attraverso un comodo telefono e delle cuffie in qualsiasi luogo.
Concludo dicendo che la musica o i film “liquidi” sono migliori e che non serve un disco per far ricordare delle canzoni perché questo può accadere anche con un telefono grazie alle playlist.
Aurora Ferrario 4AAf

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account