Ricordi. Questa parola si riferisce a tutto ciò che è racchiuso nella nostra mente e che viene ravvivato in determinati momenti come la lettura di un libro, una foto ingiallita dal tempo, una videocassetta o un vecchio disco in vinile. Cos’è meglio allora, la tecnologia o i vecchi oggetti? I pareri sono contrastanti ed è difficile trovare una soluzione oggettiva che renda felici tutti perché ognuno ha il proprio modo di pensare e vedere le cose. Certo, la tecnologia ha semplificato le nostre vite perché ora per vedere un film o ascoltare musica basta un semplice clic e, quando questa ci ha stancato è altrettanto facile cancellarla per sempre… O quasi, dal momento che, grazie all’avvento di Internet, tutte le informazioni immesse quotidianamente nei nostri dispositivi tecnologici vi restano impresse ed è quasi impossibile eliminarle.
Tutto ciò però ci ha tolto molto sul piano delle emozioni perché quella sensazione di avere tra le mani una foto, magari rovinata, o il profumo di un libro mentre lo si legge è un qualcosa di unico che molta gente preferisce alla freddezza di un apparecchio tecnologico. Sembra però che i libri siano una delle poche cose che non sono cambiate. Sarà il profumo, il rumore che si sente sfogliandone le pagine o la soddisfazione di vedere la propria libreria riempirsi poco a poco a convincere le persone che la sicurezza e il calore che un libro può trasmettere, un e-book non ce le garantirà mai.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account