Sono anni ormai che la musica, i film e seppur in minore quantità i libri sono “liquidi”, cioè reperibili attraverso programmi e apparecchi digitali. Fino a non molti anni fa si compravano cassette, vinili e cartucce fisici e che col tempo acquistavano anche un valore affettivo. Sono d’accordo anche io che ritrovare una vecchia cassetta, magari del proprio cartone animato preferito dell’infanzia sia sempre un piacere, soprattutto per i ricordi che tornano alla mente.
È però anche indiscutibile che la tecnologia di oggi oramai non abbia più bisogno di quei supporti fisici da noi tanto amati; oggetti che tra le altre cose portano numerosi svantaggi. Il primo che mi viene in mente riguarda il risparmio del consumatore: infatti, quando si produce ad esempio un videogioco, ciò che si paga non è solo il dvd, ma anche la confezione, la carta all’interno e il trasporto di tutto questo. Un trasporto che non paghiamo solo noi: l’industria danneggia l’ambiente con le emissioni delle fabbriche, per non parlare degli aerei e furgoni che trasportano una confezione che nell’80% dei casi verrà dimenticata in uno scatolone in soffitta, in attesa che qualcuno la riscopri, per poi dimenticarla la settimana successiva, a meno che non venga persa. Cosa evitabilissima se il videogioco o film fosse stato salvato su un dispositivo, o ancora meglio in rete. Mi è già capitato infatti di aver bisogno di un file o una canzone che avevo salvato sulla mia e-mail, e di averla scaricata immediatamente sul mio cellulare.
Ciò che voglio dire è che oggettivamente la soluzione digitale è la più conveniente sotto molti punti di vista. Di certo non eliminerei gli oggetti da collezione ma non vorrei tornare indietro dove effettivamente anche solo ascoltare una canzone è molto più complicato di oggi.

0
1 Comment
  1. martinamaida 6 anni ago

    complimenti, hai svolto un buon lavoro. Mi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account