Da vinili,a cd, a milioni di codici che formano una canzone sui nostri cellulari. Una fine che non è spettata solo al mondo della musica ma anche a quella cinematografica:prima c’erano le videocassette, successivamente ci furono i dvd e adesso ci sono i siti in streaming in cui con poche azioni si può guardare una film appena uscito, anche da casa. Perché non si usa più comprare dvd o cd? La risposta è molto semplice: non è necessario spendere soldi. Una delle conseguenze è che le case cinematografiche e l’industria musicale né hanno risentito molto, nessuno spende più soldi per un oggetto futile. Ma tali oggetti non conferivano alle persone che li compravano un senso di gioia? Non gli donavano un ricordo? Ebbene si, che sia musica liquida o film in streaming, nulla è comparabile (per me) alla fisicità di un oggetto. Essendo un grande collezionista mi piace vedere i miei film preferiti sulle mie mensole, così come i cd. Essi mi invocano alla mente il ricordo che mi ha spinto a spendere soldi per averlo. Vorresti tornare indietro? Si, anche se la vita costerebbe di più.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account