Tutti conoscono il Panama Papers, un enorme fascicolo creato da uno studio legale panamense, che contiene circa 11,5 milioni di documenti. Questi ultimi dimostrano come delle persone molto ricche, come capi di governo o imprenditori, facciano evadere i propri soldi dal controllo statale. Infatti conservano i propri possedimenti nei paradisi fiscali, con Lo scopo di non versare nessun soldo allo Stato. Ovviamente se questo atto viene compiuto da un italiano, esso diventa sbagliato e non solo a livello morale. Ma perché questa ingiustizia? Non siamo forse tutti uguali? Tutto questo è permesso solo alle persone benestanti, anche se forse, secondo me, dovrebbero essere loro a dare il buon esempio e a pagare per primi. Anche gli italiani sono presenti nei documenti del Panama Papers; sono più di 200 infatti le persone italiane che evadono i propri soldi dal controllo statale. Dovrebbero essere proprio le persone più benestanti italiane ad aiutarci in questo momento di crisi e, invece, fanno tutt’altro.
Per concludere vorrei solo dire che tutto questo è abbastanza vergognoso, perché le persone ricche invece di aiutare ad uscire dalla crisi uno Stato, non fanno altro che fuggire alle tasse, quasi come se non avessero denaro…

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account