Le famiglie italiane nell’arco di un anno spendono all’incirca settecentosettanta miliardi di euro. I dati degli scontrini emessi hanno costatato che la maggior parte dei soldi, si spendono comprando sciocchezze. Di fatto una famiglia italiana spende un sacco di soldi al bar, compra alimenti come carne e frutta che però poi almeno la metà la ritroviamo nei sacchi della spazzatura, compra caffè e mangia al ristorante molto spesso. Poi molte famiglie nella propria casa possiedono un animale domestico (cani, gatti, criceti), quindi vanno a spendere altri soldi per cure veterinarie o per cibi secchi appositi. Non solo, si spendono anche molti soldi per fare shopping, però si dice che le donne sono quelle che spendono più soldi per un ottimo outfit rispetto ai maschi. Spendono soldi, per soddisfare le proprie esigenze ovvero comprando sigarette, giocando alle macchinette e facendo ricariche ai propri telefonini. Per quanto riguarda gli smartphone, si spendono un sacco di soldi per ricaricare le tariffe o per navigare in internet con molta velocità. Forse era molto meglio il periodo delle lettere scritte a mano, sicuramente erano più economiche! Invece ora no, si abusa sempre di tutte le cose, però nello stesso tempo ci si lamenta e non si è mai soddisfatti di niente. Le famiglie a mio parere non si rendono conto delle spese eccessive della propria casa e per questo continuano a spendere senza avere un limite. Il problema è che si lamentano quando poi arrivano alla fine del mese o dell’ anno senza aver messo da parte nessun soldo, tutto questo per cercare anche di accontentare i propri vizi senza rendersene conto. A mio parere le famiglie italiane dovrebbero rendersi conto, che molto cose bisogna evitarle e che non tutto è lecito. Se non iniziamo a darci una svegliata veramente un giorno diventeremo peggio di quelli del terzo mondo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account