• Lo Squalo Quattrocentenario, il vertebrato più longevo al mondo.

Gli animali più longevi al mondo: Lo squalo della Groenlandia.

• Avere 400 anni e non sentirli, ecco i risultati della scienza e della ricerca.

Uno studio dell’ Università di Copenaghen, pubblicato e condotto su 28 esemplari femmine ha stabilito che lo Squalo della Groenlandia sia il vertebrato più longevo al mondo, dotato di una lenta crescita, di appena 1 cm all’ anno e sono in grado di riprodursi dopo ben 150 anni, ovvero, arrivati all’età di un secolo e mezzo raggiungono la maturità sessuale, in grado di crescere per più di 5 m di lunghezza. Denominati come “I Bestioni Delle Acque Del Nord Atlantico” rientra nella classifica dei Matusalemme. La sua scoperta è stata accidentale, infatti lo squalo, si suppone sia finito per sbaglio in una rete da pesca, non essendo commestibile, sia arrivato nelle mani della scienza dove gli scienziati hanno affermato che lo squalo possa vivere a lungo grazie ad una ipotesi importante: il vertebrato, abita le acque gelide, intorno allo zero, questa temperatura è riuscita a preservare lo squalo per secoli. I ricercatori hanno usato la tecnica di datazione al radiocarbonio e hanno analizzato il cristallino degli occhi degli esemplari femmine, in quanto è formato da proteine che non si rinnovano e che conservava traccia di eventi radioattivi come i test nucleari degli anni ’60. Dai dati è emerso che le femmine più anziane avevano 335 e 392 anni e raggiungevano una lunghezza pari a 4,93 metri e 5,02 metri. Quelle più giovani avevano invece un’età media di 272 anni. In realtà, tra le specie, come riporta Focus.it, a battere il record di longevità spunta un invertebrato, la vongola oceanica per cui l’esemplare più anziano ritrovato nel 2006 nei mari islandesi aveva un’età datata tra i 405-410 anni anche se ulteriori analisi gli hanno attribuito 507 anni.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account