La guerra in Libia del 2011 è iniziata come una guerra civile, non la si può definire una guerra mondiale: se per esempio Russia e Cina si schierassero con le forze della Nato, ecco che si parlerebbe di una terza guerra mondiale.Come in tutte le guerre, anche in quella della Libia, non c’è un’unica motivazione per cui è scoppiato questo conflitto.
Di sicuro da una parte c’è il regime di repressione di Gheddafi, che ha portato una parte del popolo a ribellarsi. Per interessi economici: se non fosse che in Libia ci sono tutti quei giacimenti di petrolio, l’Onu non ci avrebbe pensato molto prima di decidere di attaccare Gheddafi.In Libia si interviene più facilmente per interessi economici, perchè ha dei pozzi di petrolio ed è ricca di giacimenti naturali.
L’Italia, sarebbe disposta ad impegnarsi per un intervento di pace. La Libia si presenta per noi,un interesse per la sua vicinanza, lo spostarsi dei profughi. Ma si poteva evitare la guerra? Era inevitabile rispondere alle armi con le armi, mentre la proposta di un intervento diplomatico internazionale non è mai stata presa seriamente in considerazione. A mio parere, la guerra non serve a niente, anzi, spesso peggiora le cose.

0
Commenti
  1. federica2002 5 anni ago

    Ciao rositaa! Il post che hai pubblicato

  2. mikyreporter 5 anni ago

    Bellissimo articolo, ben scritto, scorrevole e molto piacevole da leggere.
    Ho apprezza il tuo stile e il tuo modo di approcciarti all’argomento trattato e l’ inserimento tra le righe anche della tua considerazione personale.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account