Lotta, guerra, battaglia, sono parole che danno origine ad una sola parola: violenza. Da sempre sono esistite, basti pensare alle popolazioni primitive per la loro sopravvivenza, a Caino e Abele due fratelli per il potere e così andando avanti nella storia. L’uomo è sempre stato coinvolto in lotte sanguinarie e purtroppo continua a farlo anche ai giorni nostri. Violenza chiama violenza, guerra chiama guerra. La Libia ha una fonte: il petrolio, credo che ciò sia stato il principio di tutto. Si è creduto di poter fare degli accordi economici pacifici con gli altri Paesi, però non è mai andato tutto liscio tanto che c’è stato bisogno di vari interventi militari. Dopo l’indebolimento politico della Libia, l’Isis ha preso il sopravvento e ha cominciato a diffondere guerra e orrore. I risvolti della medaglia sono l’ intervento dei soldati per combattere gli assassini e il rovescio cioè un lato sanguinoso : verrebbero colpiti civili. No, non sono in grado di dire cosa sia meglio o addirittura cosa sia peggio. So che chi ci governa ha un grosso e pesante fardello sulle proprie spalle e che qualsiasi decisione sarà comunque criticata e non condivisa, perché si è fatti così, si pensa, si parla, ci si argomenta, ma poi si finisce sempre per giudicare le scelte degli altri; io in questo csso non lo so fare.

0
Commenti
  1. ricanews 4 anni ago

    Buono il tuo elaborato, scritto in modo chiaro e abbastanza scorrevole, con un titolo esplicito e una bellissima immagine. Hai fatto una buona introduzione all’argomento e mi

  2. mikyreporter 4 anni ago

    Condivido pienamente ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account